branding la qualità è tutto

Branding: la qualità è tutto.

Fai finta di essere davanti ad uno di quei giochi della settimana enigmistica in cui devi unire i puntini per creare una forma, i puntini sono tanti e, all’inizio, non sai mai cosa ne verrà fuori. Il branding è proprio questo, unire i puntini, ma non è detto che per far sì che ne scaturisca una forma perfetta debbano essere tanti: l’importante è che siano posizionati nel punto giusto.

In questi anni alcune teorie hanno affermato che la quantità delle azioni strategiche e di comunicazione dovessero essere tante: pensiamo al presidio dei social e alle azioni di comunicazione che ogni brand (soprattutto se parliamo della piccola e media impresa) e a quanti post vediamo sciorinati sui profili o sulle pagine. Bene, molto spesso, il 90% sono completamente inutili perché fatti senza strategia, senza un visual costruito correttamente e senza l’approfondimento analitico che il branding chiede come necessario.

Branding: IDENTITA’ E RILEVANZA

Comunicare in maniera efficace e costruire l’identità profonda di un brand o di un’impresa, vuol dire diventare rilevanti ed influenti nella vita e nelle scelte dei consumatori.
Dobbiamo essere coscienti che i contenuti formano e modificano le opinioni e le scelte della gente quindi l’approccio alla tipologia di comunicazione è fondamentale per fare in modo che questa sia conversiva, cioè non si limiti al like o alla visita al sito internet, ma che si trasformi in acquisti.

La comunicazione non può limitarsi alla narrazione tecnica o di vantaggio del prodotto, soprattutto in un tempo in cui su ogni media ci troviamo invasi di pubblicità in cui provano a venderci qualcosa, ma è necessario fare uno sforzo tendendosi verso la formalizzazione di una comunicazione capace di attivare i nostri sensi e le nostre emozioni. (se vuoi approfondire il tema della comunicazione emozionale leggi questo articolo.)

“I prodotti vengono fatti nelle fabbriche, ma i brand vengono creati nella mente.”

Walter Landor

Come fare?

Nel branding costruire rilevanza vuol dire seguire dei passaggi precisi:

  • analizzare il target
  • analizzare i processi emozionali, i bisogni ed i desideri del target di riferimento
  • costruire il prodotto cognitivo
  • costruire layout e brand identity che siano in linea con quanto abbiamo scoperto
  • fare una strategia di content marketing selezionando le piattaforme da presidiare e con un preciso piano editoriale
  • supportare la comunicazione con advertising ben targhettizzato

Sostanzialmente quello che è importantissimo è fare in modo che qualsiasi comunicazione del tuo brand sia ragionata e costruita per fare breccia nel cervello primitivo del consumatore, perché le scelte di acquisto sono molto più istintive ed inconsapevoli di quanto pensi e il brand è il vero capitale che un’imprenditore possegga.

Il brand è il valore aggiunto al percepito del prodotto e la qualità di quello che si sceglie di comunicare vale molto di più della quantità con cui lo fai.

Tu cosa ne pensi?

SIMONA RUFFINO 
BRAND SPECIALIST & DIGITAL STRATEGIST 
Iscriviti al gruppo facebook per accedere gratuitamente ai webinar e avere un'ora di consulenza online gratuita con me. 
ISCRIVITI ORA 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.